Articoli
BANCA GENERALI
Nuova piattaforma Esg con MainStreet Partners
25/02/2019

L'istituto, da sempre in prima linea sul tema degli investimenti sostenibili, ha siglato una partnership esclusiva con la società indipendente londinese specializzata in tematiche Esg per mappare gli investimenti sulla propria piattaforma e costruire portafogli in linea con le sensibilità personali e gli obiettivi Sdg dell'Onu. Mossa: "Nel prossimo triennio queste soluzioni riguarderanno oltre il 10% del risparmio gestito"

Banca Generali sempre più in prima linea sul fronte degli investimenti sostenibili lancia una partnership esclusiva con MainStreet Partners per la mappatura degli investimenti e introduce nuovi strumenti per avvicinare famiglie e consulenti alla costruzione di portafogli che tengano conto dei rating Esg. Innanzitutto, l'istituto guidato da Gian Maria Mossa ha implementato nella propria piattaforma proprietaria Bg Personal Portfolio un metodo quantitativo elaborato in collaborazione con MainStreet Partners per misurare in concreto i contributi sulle tematiche ambientali, sociali e a favore di governance solide e al passo con i tempi nelle diverse aziende. Tutto ciò consente di selezionare gli investimenti sostenibili per ambito tematico, per rating Esg e per aderenza agli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) stabiliti dalle Nazioni Unite. Non solo: la piattaforma fornisce anche uno screening completo del livello di sostenibilità di ciascun fondo e del relativo team di gestione e permette ai consulenti di elaborare dei portafogli personalizzati a seconda del profilo di rischio, delle esigenze e delle sensibilità riguardo a temi e obiettivi specifici. "Crediamo fermamente nell'importanza di una crescita sostenibile capace di creare valore per tutti gli stakeholder – ha dichiarato Mossa – e l'innovazione rappresentata da questo strumento rappresenta un passo avanti significativo per la consulenza. La coscienza della responsabilità sociale, ambientale e di governance sta aumentando tra le famiglie e siamo convinti che entro il prossimo triennio queste soluzioni potranno riguardare oltre il 10% del risparmio gestito finanziario". 

Autore: