Articoli
ECONOMIA ITALIANA
Anche giugno in deflazione
30/06/2020

Il calo dei prezzi dei carburanti e degli altri beni energetici (-12,1%) ha spinto l'indice dei prezzi al consumo in terreno negativo per il secondo mese consecutivo. Secondo le stime preliminari il calo annuo è dello 0,2%. In forte flessione (-5,3%) anche i prezzi alla produzione dell'industria. Cresce invece il cosiddetto "carrello della spesa" (+2,3%), trainato soprattutto dai beni alimentari (+2,5%). 

L'inflazione resta negativa per il secondo mese consecutivo. Dopo che già a maggio il carovita aveva fatto segnare il primo calo dal 2016, anche a giugno i prezzi dei carburanti, particolarmente depressi, hanno trascinato l'indice nuovamente in territorio negativo. Né è bastato il buon andamento del carrello della spesa a contrastarli: l'effetto combinato dei due principali trend ha portato l'indice dei prezzi al consumo, secondo le tradizionali stime preliminari dall'Istat, a registrare un calo annuo dello 0,2%, anche se a livello mensile l'indice è tornato in territorio leggermente positivo, segnando un +0,1%. "La flessione dei prezzi al consumo su base annua, registrata per il secondo mese consecutivo, continua ad essere il prodotto di spinte contrapposte: quelle deflazionistiche provenienti dai prezzi dei beni energetici e quelle al rialzo dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona" spiegano all'Istat, ricordando che "l'inflazione di fondo, seppur in lieve rallentamento, si conferma quindi positiva (+0,7%)". Ed è proprio quest'ultimo dato che fa dire al centro studi di Confcommercio che "il dato sull'inflazione di fondo che, pur su valori contenuti, si conferma in territorio positivo, lascia sperare che la deflazione sia un problema solo temporaneo".
Andando ad analizzare nel dettaglio le principali voci dell'indice, si conferma nuovamente la forte contrazione dei prezzi dei beni energetici (-12,1%), sia nella componente regolamentata (-14,1%), sia in quella non regolamentata (-11,2%). I prezzi degli alimentari continuano invece a crescere (+2,5%), con un'accelerazione di quelli degli alimentari non lavorati (da +3,7% di maggio a +4,1%) e un lieve rallentamento dei prezzi degli alimentari lavorati (da +1,7% a +1,5%). Coldiretti spiega che i prezzi della frutta fanno segnare un balzo di addirittura l'11,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, per effetto del clima pazzo che ha sconvolto i raccolti e ridotto le disponibilità sui mercati. A registrare tassi di crescita sopra il punto percentuale sono anche i prezzi dei tabacchi (+3,0%) e dei servizi vari (+1,4%) che contrastano, insieme a quelli dei beni alimentari, le spinte deflazionistiche dei beni energetici. 
A livello congiunturale, invece, l'Istat spiega che il lieve aumento dell'indice generale è dovuto per lo più alla crescita dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+2,1%), sostenuta dai consueti fattori stagionali. Continua invece a correre, seppur con un lieve rallentamento, il cosiddetto carrello della spesa: i prezzi degli alimentari, per la cura della casa e della persona salgono infatti in giugno del 2,3%, leggermente meno del +2,4% di maggio. Tornano infine a crescere i prezzi dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto, passando da una variazione nulla a un +0,2%.
A questo punto l'inflazione acquisita per il 2020 è pari a zero per l'indice generale e a +0,7% per la componente di fondo. E secondo le stime preliminari l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) registra una variazione congiunturale nulla e una diminuzione dello 0,4% su base annua (da -0,3% del mese precedente).
Sempre sul fronte dei prezzi l'Istat ha diffuso anche quelli alla produzione dell'industria che hanno registrato a maggio 2020 una lieve diminuzione sul mese precedente (-0,1%), ma una flessione marcata, pari al 5,3%, su base annua, a causa delle dinamiche sul mercato interno (-7,2%) , solo in parte contrastate da una più sostenuta crescita dei prezzi dei beni strumentali e di consumo nell'area euro e da un netto ridimensionamento della discesa dei prezzi dell'energia nell'area non euro. 

Autore: