Articoli
BANCA GENERALI
Cresce la raccolta e vola l’Advisory
04/06/2019

Molto soddisfatto l'amministratore delegato Mossa sia per i 475 milioni di raccolta netta del mese e la crescita registrata dalla sicav innovativa Lux Im, sia soprattutto per la forte spinta dei contratti di consulenza evoluta che hanno raggiunto i 3,6 miliardi di masse, crescendo ad un ritmo decisamente superiore a quello stimato dall'istituto. Interesse anche per le polizze di Ramo I in chiave difensiva

Maggio a gonfie vele per Banca Generali che ha chiuso il mese con una raccolta netta positiva per 475 milioni, portando il totale dall'inizio dell'anno a 2,4 miliardi. Tra i prodotti gestiti brilla la performance della sicav lussemburghese Lux Im che nel mese ha raccolto 175 milioni (765 milioni da gennaio). Inoltre, si mantiene elevato l'interesse per i prodotti assicurativi, in particolare per le polizze di Ramo I (€86 milioni nel mese, €707milioni da inizio anno) quale investimento difensivo in fasi di elevata volatilità. Molto soddisfatto l'amministratore delegato di Banca Generali, Gian Maria Mossa, che ha così commentato i dati di raccolta: "Un altro mese eccellente che assume ancor più valore se consideriamo l'innalzamento della volatilità e l'incertezza che hanno caratterizzato maggio sui mercati. Continua ad essere forte la domanda di consulenza professionale per la protezione dei patrimoni e la qualità dei nostri banker e della nostra offerta si dimostrano sempre più richieste". Il riferimento di Mossa è anche all'advisory evoluto che nel mese ha registrato una forte crescita dei contratti che hanno raggiunto i €3,6 miliardi di masse, con un progresso di €1,3 miliardi da inizio anno. "L'accelerazione dell'advisory evoluta – ha sottolineato infatti Mossa - prosegue ad un trend superiore alle nostre stime dimostrando la validità di un approccio unico ai servizi di wealth management e pianificazione finanziaria. In un clima di prudenza per le variabili geo-politiche assistiamo a risposte positive su molteplici soluzioni di investimento. Per questo guardiamo con fiducia alle prospettive dei prossimi mesi".

Autore: