Articoli
MATRICOLE
Spotify conferma: quotazione diretta
12/03/2018

Il gruppo svedese, leader mondiale nello streaming musicale, approderà a Wall Street il 15 marzo attraverso una modalità inusuale che prevede che il prezzo delle azioni sia fissato non a fermo dai collocatori, ma direttamente dalla dinamica della domanda e dell'offerta. La società, valutata 1 miliardo di dollari, ha 71 milioni di abbonati premium, ma ha chiuso gli ultimi bilanci in perdita

Spotify, il più popolare servizio di streaming musicale al mondo, è pronta a sbarcare a Wall Street il 15 marzo. E lo fara' a modo suo, organizzando un 'investor day' in cui il prezzo iniziale delle sue azioni sarà determinato grazie a un meccanismo inusuale: quello della "quotazione diretta". Addio dunque al tradizionale road show che di solito accompagna una initial public offering (Ipo), con l'ambizione dell'azienda svedese di "democratizzare" l'accesso in Borsa, rendendolo più trasparente. L'evento sarà online e il prezzo di esordio sarà fissato dal mercato in base alla domanda e all'offerta. La domanda di offerta pubblica avanzata alla Sec ammonta a un miliardo di dollari. Una valutazione forte dei numeri che parlano di 159 milioni di utenti al mese in oltre 60 Paesi e di 71 milioni di abbonati premium che possono accedere a tutte le prerogative della app. Cifre che rappresentano circa il doppio - affermano a Spotify - di quelle del più diretto concorrente, Apple Music.
Dal 2015 al 2017 c'è stato un vero e proprio boom dell'azienda passata - come si legge nella documentazione presentata alla Sec - da 1,9 miliardi di euro di ricavi a 4,09 miliardi di euro, con un tasso annuo di crescita del 45%. Tuttavia, nonostante al momento Spotify non abbia rivali in grado di contrastare il suo dominio, nel 2015 le perdite nette ammontavano 230 milioni e nel 2016 di 1,23 miliardi di euro. Mentre l'anno scorso l'azienda ha chiuso con un rosso di 324 milioni di euro. Ecco allora che l'approdo al New York Stock Exchange viene visto come una svolta che può risolvere tutti i problemi, con grandi possibilità di ulteriore crescita che possono aumentare la capacità di competere con avversari sempre più agguerriti: non solo la casa di Cupertino - che di recente ha acquistato Shazam - ma anche Amazon.
Certo, quella della "quotazione diretta" è una strada molto più rischiosa di quella solitamente intrapresa per un'Ipo. Ma promette per il colosso di Stoccolma di essere più lucrativa.

Autore: