Articoli
WALL STREET
Cunningham, la prima donna alla guida del Nyse
04/06/2018

In 226 anni di storia sulla poltrona del più importante mercato azionario del mondo c'è sempre stato un uomo. Ma i tempi stanno cambiando e il timone che per cinque anni è stato nelle mani di Tom Farley passa ora a Stacey Cunningham. La sfida più importante che la neopresidente (ma veterana del Nyse) si troverà ad affrontare è quella dell'innovazione tecnologica.

La prima donna alla guida del New York Stock Exchange nei suoi primi 226 anni di storia. Stacey Cunningham è stata nominata 67mo presidente del Big Board. Una nomina che mostra come l'influenza del movimento #MeToo sia arrivata anche a Wall Street, impegnata ora a dimostrare come la cultura da 'club per soli uomini' che ha dominato per anni è ormai andata in pensione: la scelta di Cunningham segue quella di Adena Friedman alla guida del Nasdaq, tingendo di rosa i due maggiori operatori di Borsa al mondo. Cunningham assumerà l'incarico il 25 maggio, quando l'attuale numero uno del Nyse Tom Farley lascerà per assumere un nuovo incarico a SPAC, società che fa capo all'hedge fund di David Loeb Third Point e che ha come obiettivo raccogliere 400 milioni di dollari per acquistare start up finanziario-tecnologiche. Farley lascia il Nyse in buona salute: nei suoi cinque anni al comando i margini sono più che raddoppiati. Farley, uno degli uomini più fidati di Jeffrey Sprecher, l'amministratore delegato di Intercontinental Exchange, il colosso che controlla il Nyse, è una figura di primo piano e ha giocato un ruolo decisivo nel convincere società come Snap e Spotify a preferire il Big Board alla rivale Nasdaq. Nonostante i successi, Cunningham erediterà anche molte sfide, fra le quali quella dell'innovazione tecnologica: gli sforzi finora portati avanti non si sono tradotti nei risultati sperati e l'introduzione delle nuove tecnologie per sostituire un sistema orami datato è in ritardo e procede lentamente.
Ma Cunningham mostra sicurezza, consapevole di essere una veterana del Nyse, dove ha iniziato la sua carriera nel 1994 con uno stage. Due anni dopo ha esordito sul floor del New York Stock Exchange: era una delle trenta donne fra i 1.300 uomini che vi lavoravano. Negli anni 2000 Cunningham si è presa una pausa, scegliendo di frequentare un corso di istruzione culinaria di nove mesi all'Institute of Culinary Education di Manhattan, che richiedeva anche di lavorare in un ristorante per almeno sei settimane. Nel 2012 il suo ritorno al Nyse dopo una breve parentesi al Nasdaq. E ora la guida del Big Board.

Autore: