Articoli
BANCA GENERALI
La raccolta sale a 539 milioni a febbraio
06/03/2020

Nei primi due mesi dell'anno il dato cumulato sfiora il miliardo di euro. Molto bene la raccolta gestita (226 milioni) che ha visto un'ulteriore accelerazione dei prodotti più innovativi, come la sicav Lux Im e i nuovi contenitori assicurativi BG Stile Libero e Lux Protection Life. Nuove emissioni di prodotti strutturati e cartolarizzazioni hanno catalizzato gli impieghi dell'amministrato

Quasi un miliardo di raccolta netta in appena due mesi (977 milioni di euro), di cui 539 a febbraio: il 2020 è partito in quarta per Banca Generali e Gian Maria Mossa, amministratore delegato dell'istituto, non nasconde la sua soddisfazione: "Una partenza d'anno molto solida, nonostante le crescenti complessità e le incertezze che si registrano sui mercati e le preoccupazioni di noi tutti per l'evoluzione del coronavirus - ha dichiarato -. Quasi un miliardo di raccolta in due mesi in questo contesto rappresenta un risultato ragguardevole, frutto del lavoro quotidiano e costante dei nostri banker al fianco delle famiglie nella protezione e diversificazione dei patrimoni".  Molto bene anche la componente gestita che a febbraio ha raccolto 226 milioni, portando il totale da inizio anno a 369 milioni, con un'accelerazione rispetto al mese precedente in tutte le sue componenti più innovative: la nuova sicav Lux Im ha infatti catalizzato l'attenzione con 282 milioni nel mese portando il totale da inizio anno a 448 milioni, mentre il nuovi contenitori assicurativi - BG Stile Libero e Lux Protection Life - hanno raccolto 118 milioni a febbraio per un totale di 217 milioni da inizio anno.
Bene anche la raccolta amministrata, che ha mostrato una dinamica sostenuta con 166 milioni a febbraio (245 milioni da inizio anno), quasi interamente impiegati nelle nuove emissioni di prodotti strutturati e cartolarizzazioni. La volatilità dei mercati finanziari ha favorito la raccolta in depositi per 147 milioni (363 milioni da inizio anno), in attesa delle migliori opportunità da parte della clientela per riqualificare gli investimenti. Infine, a febbraio i contratti di consulenza evoluta (Advisory) hanno raggiunto i 4,9 miliardi di masse, con un progresso di 200 milioni da inizio anno.

Autore: