Articoli
SORPASSI
Tesla vale quanto Gm e Ford insieme
07/01/2020

Il colosso dell'auto elettrica, grazie al rally degli ultimi mesi, vale oltre 80 miliardi di dollari, classificandosi come la più grande casa automobilistica della storia americana. Ad alimentare la corsa del titolo, una lunga serie successi. Ultimo in ordine di tempo, il fatto di aver consegnato già al pubblico le prime Model 3 prodotte in Cina: un vantaggio competitivo enorme sui concorrenti.

Elon Musk entra nell'Olimpo dell'auto. La sua Tesla è infatti la casa automobilistica che vale di più nella storia americana. Uno vero e proprio schiaffo Detroit, la tradizionale capitale dell'auto: il colosso delle auto elettriche (di lusso) vale oltre 80 miliardi di dollari, quasi quanto General Motors e Ford insieme. La volata di Tesla sta tutta nel rally degli ultimi mesi alimentato da una serie di successi. L'ultimo in ordine temporale sono le prime consegne al pubblico cinese di Model 3 prodotti nell'impianto Tesla di Shanghai. Musk, il miliardario visionario, festeggia sul palco in Cina l'evento. Lo fa ballando e improvvisando una sorta di 'moonwalk', anche se il suo spettacolo è ben lontano dall''esibizione' di Jack Ma vestito da Michael Jackson per i dipendenti di Alibaba. Musk non nasconde l'entusiasmo per l'importante risultato, forte del quale annuncia che Tesla produrrà in Cina anche il Model Y. Nel Paese, aggiunge Musk, sarà anche aperto un centro di design con l'obiettivo di creare una vettura originale destinata al mercato mondiale.
Un annuncio storico, sintomo del cambio dei tempi, con la Cina oramai protagonista del mercato delle quattro ruote elettriche. E soprattutto un annuncio che aumenta la pressione sulle altre case automobilistiche presenti in Cina che faticano a riconvertirsi all'elettrico. Secondo gli analisti, la svolta di Tesla è stata l'apertura di un suo impianto in Cina, che si è trasformato in un incubo per i rivali. Fino a prima del via libera alla fabbrica, l'atteggiamento dei competitor di Tesla era attendista nella consapevolezza che il colosso delle auto elettriche avrebbe dovuto effettuare un ingente investimento e aspettarne i frutti. Ma la scommessa di Musk ha, almeno per ora, avuto successo e ora Tesla sembra posizionata per sbaragliare il mercato cinese, approfittando delle difficoltà di rivali come General Motors. 
Proprio GM ha chiuso il 2019 con il maggiore calo della sua storia nelle vendite in Cina: sono scese del 15% dopo il calo del 10% nel 2018. Non è andata molto meglio a Ford, che ha archiviato il suo terzo trimestre con un calo delle vendite del 30% nel Paese. Per Musk i dati della rivali sono un'ulteriore conferma di quello in cui crede da sempre, ovvero la superiorità dell'elettrico e la sua disponibilità anche per il grande pubblico.

Autore: Ansa