Articoli
POLITICA MONETARIA
La Fed alza i tassi, ma taglia le stime per il 2019
19/12/2018

Powell ha rivendicato l'indipendenza della Fed dalla politica e ha alzato di un ulteriore quarto di punto i tassi d'interesse portando la forchetta al 2,25-2,50%. La banca centrale ha anche rivisto al ribasso le prospettive di crescita dell'economia per il prossimo anno Usa dal 2,5 al 2,3% e per questo nel 2019 sono previsti solo due ulteriori rialzi anziché tre. Wall Street delusa chiude in calo.
La Fed sfida Donald Trump e alza i tassi di interesse di un quarto di punto, portando il costo del denaro in un forchetta fra il 2,25% e il 2,50%. Rivendendo al ribasso le stime di crescita per gli Stati Uniti nel 2019, la banca centrale segnala che i rialzi "graduali" proseguiranno, ma più lentamente: il prossimo anno potrebbero essercene due e non i tre previsti in settembre. Una retromarcia da 'colomba' che però non soddisfa Wall Street: i listini in modalità rally per gran parte della seduta frenano immediatamente e chiudono in negativo, con lo S&P 500 che scivola ai minimi degli ultimi 15 mesi, il Dow Jones che perde l'1,49% e il Nasdaq che accusa un calo del 2,17%. Gli investitori si attendevano una Fed più accomodante alla luce dei rischi e delle incertezze che si stanno materializzando. Ma sono rimasti delusi: la banca centrale ha alzato i tassi usando però toni da colomba e per Wall Street non è stato abbastanza. La gelata è arrivata con l'ammissione di incertezza sull'andamento dei tassi e sul proseguire con il 'pilota automatico' nella normalizzazione del bilancio. Wall Street sperava in una Fed più 'empatica', invece si è ritrovata con una banca centrale che andrà avanti con graduali strette. Il costo del denaro si attesterà intorno al 3,25% il prossimo anno grazie a due rialzi dei tassi, ovvero uno in meno rispetto alle stime di soli tre mesi fa. Una ritocco al ribasso legato a un atteso rallentamento della crescita, che nel 2019 dovrebbe attestarsi al +2,3% rispetto al +2,5% di settembre. Rivista al ribasso anche l'inflazione: l'anno prossimo dovrebbe arrivare all'1,9% e non al 2% precedentemente stimato. Invariate le stime sul tasso di disoccupazione, ferma al 3,5% alla fine del 2019. "Vediamo guardando avanti un'attenuazione della crescita: l'indebolimento di quella globale è una delle ragioni alla base della revisione al ribasso del Pil del 2019" afferma il presidente della Fed, Jerome Powell, osservando comunque come i livelli di crescita mondiali restano "salutari" e come la banca centrale monitora i rischi come la Brexit ma anche le trattative fra l'Italia e l'Ue. La Brexit "non dovrebbe avere importanti implicazioni per gli Stati Uniti", ma c'è incertezza perché è qualcosa che non è mai avvenuto, dice il presidente. Inoltre, aggiunge Powell, "la politica monetaria non è su una strada predefinita" e sottolinea come l'andamento dell'inflazione consenta alla Fed, guardando avanti, di essere "paziente" sul fronte dei tassi. Osservando come la volatilità dei mercati è "aumentata", Powell affronta "l'elefante nella stanza", ovvero gli attacchi del presidente americano. E lo fa secco: le considerazioni politiche non giocano alcun ruolo nella politica della Fed, che "è indipendente". Il rialzo dei tassi, il quarto dall'inizio dell'anno, è stato deciso dalla Fed all'unanimità, grazie anche al contributo del governatore Michelle Bowman, alla sua prima riunione. Nell'illustrare la sua decisione, la banca centrale spiega che i rischia all'outlook sono bilanciati, e assicura che "continuerà a monitorare gli sviluppi economici e finanziari globali e a valutare i loro effetti sull'outlook economico". La Fed dipinge un quadro roseo dell'attuale stato dell'economia americana: il mercato del lavoro continua a rafforzarsi, così come la crescita economista resta sostenuta, spinta dalle spese delle famiglie. Andando avanti però le incognite aumentano: "c'è un elevato grado di incertezza" su ulteriori aumenti. Molto dipenderà dalla politica di Washington, soprattutto quella commerciale alla quale potrebbe essere legato un nuovo capitolo dello scontro fra Trump e Powell. Potrebbero però giocare un ruolo anche le tensioni sui mercati se iniziassero, e sembra quello che Powell teme, ad aver un impatto sull'economia. La reazione di Wall Street alla decisione della Fed sembrerebbe segnalare ulteriore volatilità a breve.

Autore: Ansa